Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
domenica, 21 gennaio 2018

Pubblicato: 06/06/2013

"Crocetta? Pił assessori che voti"

Il ministro D'Alia attacca il governatore: "La sua giunta regionale sia espressione della maggioranza, se vuole fare un'ennesima riedizione del lombardismo lo dica e l'Udc si tirerą fuori"

PALERMO - Il ministro per la Pubblica amministrazione Giampiero D'Alia e segretario regionale dell'Udc contro il presidente della Regione. "L'Udc ha la stessa forza di sempre. Forse è Crocetta ed il suo Megafono ad essere sovradimensionato in giunta. Ha più assessori che voti".

"Se Crocetta intende trasformare questa esperienza di governo nell'ennesima riedizione del lombardismo - dice il ministro al Giornale di Sicilia - noi ci tiriamo fuori".

"Crocetta sta portando avanti una guerra ai partiti che lo sostengono invece di interloquire con loro. Mi chiedo perchè continui ad alimentare partitini satelliti che fanno del qualunquismo il lodo unico motivo di esistenza. Così - aggiunge - non rafforza la coalizione e si comporta come Lombardo".

Da qui la posizione dei centristi: "La giunta deve essere espressione di una maggioranza politica. E oggi questa maggioranza non c'è anche per colpa di alcune scelte di Crocetta. Manca un tavolo della coalizione e bisogna capire che il periodo di rodaggio è finito. Il rimpasto viene fuori dopo le scelte sul programma da portare avanti. Si fa solo se serve", conclude D'Alia.