Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
giovedì, 22 febbraio 2018

Crisi, in Sicilia resistono le imprese "rosa"

Unioncamere: tra settembre 2011 e settembre 2012 nell'Isola sono nate 873 nuove attività a guida femminile

ROMA - Le imprenditrici italiane resistono alla crisi. Negli ultimi dodici mesi, l'Osservatorio dell'imprenditoria femminile di Unioncamere segnala una sostanziale tenuta nella dinamica anagrafica delle imprese a guida femminile: tra settembre 2011 e settembre 2012 - periodo durante il quale lo stock delle imprese italiane si è complessivamente ridotto di 29.911 imprese - il numero delle imprese "rosa" ha fatto registrare una lievissima riduzione (593 unità in meno, pari a -0,04%), attestandosi al valore di 1.435.123 aziende (pari al 23,5% di tutte le imprese italiane).

In questo quadro - che da lunedì sarà presentato nel corso del 'Giro d'Italia delle donne che fanno impresa' - va segnalata la vitalità di alcune regioni, dove il confronto tra gli stock nei dodici mesi presi in esame evidenzia una crescita apprezzabile in termini assoluti delle imprese in rosa: il Lazio (+1.149 imprese), la Sicilia (+873), la Toscana (+512) e la Lombardia (+342). All'opposto il Piemonte (con 909 imprese in meno), il Veneto (-697), l'Abruzzo (-444), la Sardegna (-240) e la Basilicata (-239).

Sono i servizi di alloggio e ristorazione (+2.877), le altre attività dei servizi (+1.081), le attività immobiliari (+738) e le costruzioni (+711) i settori con i saldi per le imprese femminili più significativi. Nel commercio (-2.587 unità) e nelle attività manifatturiere (-1.521), invece, si concentrano le riduzioni più apprezzabili della base imprenditoriale rosa.