Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
sabato, 24 febbraio 2018

Pubblicato: 04/03/2012

Eruzione lampo sull'Etna

Il fenomeno, durato un paio d'ore, Ŕ cominciato all'alba con emissione di cenera lavica. L'unitÓ di crisi di Fontanarossa ha chiuso due settori di volo, ma il traffico aereo non si Ŕ fermato

CATANIA - Una nuova fase eruttiva, la terza dell'anno, si è verificata nelle prime ore della mattinata sull'Etna con spettacolari emissioni di fontane di lava e attività stromboliana dal nuovo cratere di Sud-Est. Dalla bocca è emersa una colata, bene alimentata, che si è diretta nella desertica Valle del bove. L'attività a provocato la fuoriuscita di una colonna di cenere lavica dispersa in direzione nord-est.

Secondo gli esperti dell'Ingv di Catania l'attività è cominciata poco dopo le 5.30 e si è conclusa intorno alle 8. E’ regolare l’attività nell’aeroporto internazionale di Catania Fontanarossa dove alle 9 di stamani si è riunita l’Unità di Crisi in seguito alla comunicazione da parte dell’Ingv (Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia) dell’emissione di una significativa quantità di cenere vulcanica in atmosfera.

Valutata l’estensione della nube vulcanica e la direzione dei venti, l’Unità di Crisi ha deciso di chiudere fino alle ore 13 i settori di volo 1 e 2. Una modifica dettata dalle circostanze meteorologiche che tuttavia non interferisce con il flusso dei voli in arrivo e in partenza che restano regolari.