Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
mercoledý, 17 gennaio 2018

Cia: "Danni incalcolabili all'agricoltura"


ROMA - La protesta e il blocco degli autotrasportatori in Sicilia "hanno messo in ginocchio l'intera economia agricola" dell'Isola, con danni al settore valutabili in milioni di euro. Lo afferma la Confederazione italiana agricoltori (Cia), invitando i ministri degli Interni e delle Politiche agricole, il governatore della Sicilia e l'assessore regionale all'Agricoltura a intervenire con urgenza per "garantire il diritto al trasporto dei prodotti ortofrutticoli e del latte, ma anche per evitare pericolose contrapposizioni tra produttori e autotrasportatori".

Per la Cia la protesta, pur essendo "comprensibile, non può essere condivisa", in quanto danneggia ulteriormente le condizioni economiche degli agricoltori, costretti a far marcire o buttare i propri prodotti, con conseguenti ingenti danni.

L'aumento dei costi del carburante, ricorda l'associazione, è un problema che investe profondamente anche l'agricoltura, già colpita dal crollo della redditività delle produzioni, dall'aumento della pressione fiscale e, specie nel Mezzogiorno, dall'assenza di politiche a sostegno della crescita e dello sviluppo, che rendono il terreno fertile alla "rabbia e alla disperazione, alla base di proteste come questa".