Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
luned́, 11 dicembre 2017

Ambientalisti: "Adesso la raccolta differenziata"


PALERMO - Cgil, Italia Nostra, Legambiente, e WWF esprimono apprezzamento per il decreto del presidente della Regione Raffaele Lombardo, del 20 maggio scorso, "che ha radicalmente innovato il sistema degli Ato in Sicilia, e per le sue dichiarazioni con le quali annuncia di voler rispettare la sentenza della Corte di Giustizia Europea del luglio 2007, che ha bocciato il bando dell'agosto 2002 e quindi dichiarate illegittime le convenzioni sottoscritte per la costruzione di quattro megasistemi incentrati sull'incenerimento dei rifiuti".

Le associazioni sollecitano il Lombardo "perchè si dia corso, fin da adesso, a una seria raccolta differenziata in tutti gli Ato".

"Una situazione di emergenza nella raccolta e smaltimento dei rifiuti non si scongiura con discariche e inceneritori", dicono il segretario generale Cgil Sicilia Italo Tripi, il presidente del consiglio regionale Sicilia Italia Nostra Leandro Janni, il presidente Legambiente Sicilia Domenico Fontana e Anna Schirò, presidente Wwf Sicilia.

"Bisogna prioritariamente ridurre i rifiuti da smaltire ad una limitata frazione - aggiungono - con una seria e incisiva politica di riduzione, riuso e riciclaggio".

"Non vorremmo - continuano - che in Sicilia si ripetesse la triste esperienza campana: in questi giorni, in quasi tutte le province siciliane emergono segnali preoccupanti. E comunque, nella nostra regione si stanno manifestando anche buoni esempi: ATO TP2, PA5, CT1, TP1. Questi dimostrano che i cittadini, se informati e seguiti da una buona organizzazione - a monte - nella gestione della raccolta, rispondono bene".