Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
martedý, 12 dicembre 2017

Pubblicato: 25/10/2010

Tunisino tenta di uccidere la moglie

Il rifiuto di un rapporto sessuale stava per costare caro ad una donna, picchiata selvaggiamente dal marito ubriaco. L'uomo, fermato dalla polizia, Ŕ stato trasferito nel carcere di Siracusa

SIRACUSA - Tornato a casa ubriaco ha colpito con calci e pugni la moglie, che si era rifiutata di avere un rapporto sessuale con lei, e dopo averla trascinata per i capelli in cucina le ha sbattuto violentemente la testa contro un tavolo e l'ha infine minacciata di morte con un coltello.

Protagonista dell'aggressione, avvenuta davanti ai due figli minorenni della coppia, un tunisino di 55 anni, che è stato arrestato dalla polizia per tentativo di omicidio. L'extracomunitario è stato bloccato e disarmato da un uomo che conviveva con la famiglia. E contro di lui il tunisino ha poi sfogato la sua rabbia: si è impossessato di un martello e ha cercato di colpirlo.

La vittima è riuscita a fuggire e ha avvisato la polizia, telefonando al "113". Agenti delle "Volanti" sono intervenuti e hanno arrestato il tunisino per tentativo di omicidio e lo hanno condotto nella casa circondariale di Siracusa.