Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
mercoledý, 17 gennaio 2018

Pubblicato: 03/05/2008

Leg˛ e imbavagli˛ l'alunno monello

Condannata una professoressa di Salemi, Adelia Sirchia di 35 anni, che nel 2004 puný in modo esemplare uno studente di sette anni troppo vivace. L'insegnante d'inglese avrebbe fatto copiare agli altri studenti la frase: "A mali estremi, estremi rimedi"

SALEMI (TRAPANI) - Il tribunale di Marsala ha condannato a un mese di reclusione Adelia Sirchia, insegnante d'inglese di 35 anni, accusata di avere legato al banco, schieffeggiato e imbavagliato un alunno di sette anni perchè troppo vivace.

I giudici inoltre hanno stabilito la sospensione della prof per un mese dall'attività lavorativa e il pagamento di cinquemila euro, come risarcimento per i danni morali subiti dal ragazzino. La vicenda avvenuta nell'istituto scolastico in contrada Ulmi a Salemi (Tp) risalirebbe al 2004.

Dopo avere punito l'alunno, la professoressa, secondo la ricostruzione dei carabinieri, avrebbe scritto alla lavagna "A mali estremi, estremi rimedi", facendo ricopiare la frase sul diario agli altri studenti.

Furono i genitori del ragazzino a scoprire quanto successo, vedendo che il figlio simulava l'episodio mentre giocava col fratello. Al processo i genitori si sono costituiti parte civile.