Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
mercoledý, 13 dicembre 2017

Pubblicato: 25/07/2009

Catania dedica un festival a Bellini

La prima edizione si svolgerÓ dal 12 al 23 settembre, in cartellone anche la Norma. Per l'anno prossimo un allestimento de I Puritani, con la direzione del tenore Placido Domingo

CATANIA - Come Rossini si celebra a Pesaro, o Giuseppe Verdi si ricorda a Parma, ecco che  nasce il Bellini Festival, ovviamente a Catania, la città dell'autore di 'Norma'.

La prima edizione si svolgerà dal 12 al 23 settembre prossimi, con la direzione artistica di Enrico Castiglioni ed un programma dove brillano varie stelle, fra le quali due di prima grandezza come Montserrat Caballè e June Anderson.

Il cartellone prevede rappresentazioni operistiche e concerti, ed anche mostre, convegni, conferenze e un'ampia valorizzazione dei beni culturali, storici, archeologici e naturali di Catania, dove Vincenzo Bellini nacque nel 1801 per morire in Francia a soli 34 anni: cosa che non gli impedi di diventare uno dei più grandi compositori d'opera di tutti i tempi. Il festival avrà cadenza annuale.

Il 12 settembre 2009 si apre con un "Bellini Gala" affidato al baritono Renato Bruson, il soprano Dimitra Theodossiou e il tenore Roberto Aronica, accompagnati da Coro e Orchestra del Teatro Massimo Bellini, sotto la direzione di Pier Giorgio Morandi.

Il concerto, con la regia televisiva di Castiglione, verrà trasmesso in differita da Rai Uno, dando il via al progetto del festival di registrazione di tutte le opere di Bellini. Il 15 settembre, nella Chiesa di San Francesco all'Immacolata, l'Orchestra da Camera dei Berliner Philharmoniker offrirà il primo di una serie di "itinerari belliniani" che il prossimo anno vedrà protagonista l'intera Orchestra dei Berliner diretta da Simon Rattle.

Il 19, 20 e 22 settembre sarà in scena al teatro Massimo Bellini  l'opera più attesa: Norma, con regia e scene di Enrico Castiglione, in coproduzione con la Carnegie Hall, l'Opera Orchestra di New York e il Festival Euro Mediterraneo; costumi di Sonia Cammarata e un cast guidato dalla bacchetta di Eve Queler, fra le più famose direttrici d'orchestra del mondo.

Una Norma - promette Castiglione - che si annuncia come l'evento musicale dell'anno, promosso dalla Città di Catania, con la trasmissione Rai in mondovisione, con una star come il soprano June Anderson nel ruolo della sacerdotessa druidica, il tenore Gregory Kunde (Pollione), il basso Francesco Ellero D'Artegna (Oroveso), il soprano Lyubon Petrova (Adalgisa).

Il concerto di chiusura (23 settembre) si svolgerà nel Duomo, affidato alla grande  Montserrat Caballè, accompagnata dal Coro e dall'Orchestra del Teatro Massimo Bellini, diretti da Josè Collado.

Ma già per l'anno prossimo si annuncia l'allestimento di un altro capolavoro di Bellini, I Puritani, con la direzione del tenore Placido Domingo. Il festival - spiegano gli organizzatori - testimonia la forte volontà  della Provincia Regionale di valorizzare il territorio, esaltando uno storico patrimonio d'arte e cultura, in collaborazione con il Comune, l'Assessorato Regionale ai Beni Culturali, il Teatro Massimo Bellini ed altre istituzioni pubbliche e private.