Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
domenica, 25 febbraio 2018

Pubblicato: 03/03/2008

In Sicilia si vive di più

Secondo l'osservatorio dell'assessorato regionale della Sanità, il numero dei decessi è in costante riduzione (circa 44.000 in un anno), mentre aumenta la speranza di vita: 77 anni per gli uomini e 82 per le donne

PALERMO - Il numero annuale di decessi in Sicilia è in costante riduzione: ogni anno in media si registrano poco più di 44 mila decessi (in maggioranza uomini) mentre aumenta la 'speranza di vita' che supera i 77 anni per gli uomini e 82 per le donne. Il trend si conferma confrontando i dati del biennio 2001-2002 con quelli del 2004-2005 quando si è passati da una media di 44.353 decessi l'anno a 44.213.

Questi sono alcuni dei dati contenuti nell'"Atlante sanitario della Sicilia" realizzato dal dipartimento Osservatorio Epidemiologico dell'assessorato regionale della Sanità che aggiorna ogni due anni l'analisi sulla mortalità in Sicilia.    

La prima causa di morte conferma sono le malattie del sistema circolatorio, seguita dai tumori, (28% negli uomini e 21% nelle donne); la terza causa sono per gli uomini le malattie respiratorie (8%), per le donne le malattie metaboliche ed endocrine (6%) per il 90% attribuibili al diabete mellito.

L'analisi delle cause per fasce di età mostra che fino a 35 anni prevalgono i traumatismi, nelle fasce intermedie e fino a 70 anni le cause tumorali e successivamente le malattie circolatorie.

Per quanto riguarda le singole patologie le prime due cause per entrambi i sessi sono i disturbi circolatori dell'encefalo e le cardiopatie ischemiche; tra le cause circolatorie emerge il diabete e, nelle donne, il tumore della mammella, mentre negli uomini si aggiungono i tumori dell'apparato respiratorio e le broncopatie. Soltanto limitatamente al tumore dell'utero la mortalità in Sicilia è al di sopra della media nazionale.

I decessi valutati per livello socioeconomico confermano anche in Sicilia che la mortalità più alta si associa in genere a condizioni socio economiche più svantaggiate.