Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
mercoledý, 13 dicembre 2017

Farmaci a pazienti defunti
denunciati 100 medici ad Alcamo

Operazione della guardia di finanza: i dottori generici sono accusati di truffa, avrebbero prescritto medicinali molto costosi a persone morte anche 9 anni fa, per un danno complessivo all'erario di 50.000 euro

TRAPANI - La guardia di finanza ha denunciato per truffa 100 medici generici in servizio negli ambulatori della provincia di Trapani. Tutti sono accusati di aver prescritto medicinali, a volte anche costosi, a pazienti defunti anche nove anni fa. In questo modo avrebbero provocato un danno dell'erario che ammonterebbe, secondo quanto riferito dagli investigatori, a 50 mila euro.

Le fiamme gialle durante le indagini hanno analizzato 30 mila ricette mediche redatte dal 2004 al 2007. I medici indagati sono accusati di falsità ideologica e truffa ai danni dello Stato in concorso.

L'operazione, chiamata dai finanzieri "Esculapio", è cominciata ad Alcamo (Trapani) dopo alcuni controlli sui rimborsi erogati dal servizio sanitario ai medici in base alle prescrizioni effettuate. Il campione dai cui sono stati estrapolate le 30 mila ricette, redatte nel trapanese, è di 10 milioni di prescrizioni.

I dati sono stati elaborati dai finanzieri e sucecsivamente confrontati con la documentazione conservata negli archivi della Asl 9 di Trapani. Le fiamme gialle, in particolare, si sono concentrate su decine di pazienti che per età o patologia godevano dell'esenzione del ticket.

Proprio quest' ultimi, nonostanti defunti da tempo, sulla carta continuavano ad avere prescrizioni per farmaci dal costo di 2.000 euro a confezione. I finanzieri stanno continuando ad analizzare le ricette e non escludono che a breve possano esserci altri medici indagati. Da quanto si è appreso infatti gli investigatori stanno ora verificando i casi di esenzione dal ticket in base al reddito.