Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
venerd́, 15 dicembre 2017

Pubblicato: 12/10/2017

Turismo in crescita in Italia

Federalberghi: nel 2017 crescono del 3% i pernottamenti negli hotel, in rialzo la presenza di stranieri

RIMINI - Nei primi nove mesi di quest'anno crescono i pernottamenti negli esercizi alberghieri con un percentuale pari al 2,9% rispetto allo stesso periodo del 2016, derivante dalla crescita di entrambe le componenti (italiani +2,2% e stranieri +3,5%). Lo rileva l'osservatorio di Federalberghi in occasione del Ttg Incontri iniziato alla Fiera di Rimini.

In attesa di poter tracciare un bilancio consolidato dell'andamento della stagione estiva, il Centro studi di Federalberghi ha acquisito alcune prime informazioni, rese disponibili da alcuni osservatori, pubblici e privati.

Il quadro d'insieme risultante dai dati parziali è nel complesso positivo, anche se non va dimenticato - sottolinea Federalberghi - che alcune aree sono purtroppo caratterizzate da una tendenza al ribasso. Nel periodo gennaio - giugno 2017, il fatturato dei servizi di alloggio è aumentato del 4,6% rispetto allo stesso periodo del 2016. Se si considera solo il secondo trimestre, l'incremento è dell'8,2%.

La spesa dei turisti stranieri in Italia nel primo semestre del 2017 ammonta a 16,7 miliardi di euro, con un incremento del 4,6% rispetto allo stesso periodo del 2016. Nel mese di settembre 2017, i prezzi dei servizi ricettivi e di ristorazione aumentano dello 0,3% rispetto al mese precedente e aumentano del 2,2% rispetto a settembre 2016. Sempre a settembre l'indice del clima di fiducia delle imprese turistiche registra una diminuzione, da 112,9 a 111,2.

"E' un anno eccezionale per il turismo italiano - ha commentato il presidente di Federalberghi Bernabò Bocca -, il settore è già e sarà protagonista della ripresa e anche dell'aumento dell'occupazione perché non può essere né esternalizzato, né meccanizzato. Ma basta crogiolarsi sugli allori. L'Italia deve vivere di turismo e mi auguro che si passi alla logica di aiutare i settori che vanno bene e non di incaponirsi su altri che hanno il fiato corto".