Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
giovedì, 14 dicembre 2017

Ossessione telefonino: alla guida
lo guarda il 96% degli italiani

I numeri inquietanti di uno studio: smartphone controllato 150 volte al giorno. "Paura di essere tagliati fuori". Palermo tra le città più colpite dalla sindrome

ROMA - Il 55% degli italiani, oltre uno su due, si lascia distrarre dall'utilizzo dello smartphone quando è in strada, indipendentemente che si trovi in macchina, in moto, in bici o stia camminando a piedi, mettendo in diversi casi a repentaglio la propria incolumità. E oltre il 96% dei guidatori ammette di guardare il telefono ripetutamente mentre si trova alla guida.

A rivelarlo è uno studio effettuato da Maxibon, per il lancio della campagna di sensibilizzazione #Occhioallastrada, realizzata in collaborazione con la polizia stradale. Nel presentare l'analisi è stato sottolineato come "circa il 24% degli incidenti stradali sono causati dall'uso sconsiderato dello smartphone, più di 3.000 morti ogni anno secondo l'Istat".

La ricerca, che si è basata sulle risposte di un campione di 2.500 persone di età compresa fra i 18 e i 65 anni, ha anche provato a scoprire i motivi di questo utilizzo, a tratti ossessivo, dei telefonini in strada. La risposta è che gli italiani avrebbero paura di essere "tagliati fuori" dagli altri: arrivano a controllarlo oltre 150 volte al giorno, una volta ogni sei minuti.

Questo malcostume particolarmente diffuso tra i ragazzi fra i 16 e i 29 anni (61%) ma anche fra gli adulti fra i 29 e i 45 anni (54%), con gli over 45 che non rimangono indietro (43%). Fra i più colpiti da questa vera e propria sindrome figurano gli abitanti di Roma (62% del campione), quelli di Milano (57%), Napoli (52%), e Palermo (43%).