Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
marted́, 12 dicembre 2017

Pubblicato: 10/07/2017

WonderLad, avanti a piccoli passi

Catania. Tavolo tecnico nel cantiere della casa destinata ad accogliere fino a 80 bambini con malattie oncologiche. Appello di Bianco agli imprenditori: "Aiutate a realizzarla"

CATANIA - "WonderLad, questa casa per bambini affetti da malattie oncologiche, rappresenta un esempio di straordinaria collaborazione tra pubblico e privato uniti per il sociale. Per questo lancio un appello agli imprenditori: facciamo il possibile per completare la realizzazione di uno dei più bei progetti di solidarietà". Così il sindaco di Catania Enzo Bianco al termine del tavolo tecnico svoltosi nel cantiere della struttura di quasi duemila metri quadrati coperti, al centro di un parco grande un quarto della Villa Bellini.

La casa, nata da un concorso internazionale di architettura e che adotta soluzioni bioclimatiche all’avanguardia, è destinata a accogliere in un’ala fino a ottanta bimbi che, attraverso laboratori d’arte, potranno continuare, nonostante la malattia, a fare esperienza della propria vitalità e in un’altra fino a sei famiglie "fuori sede" dei piccoli pazienti.

"Lad Onlus - ha aggiunto Bianco - sta realizzando questa struttura d’eccellenza, all’avanguardia, e l'amministrazione comunale, che ha concesso il terreno, si sta mettendo a disposizione anche per fornire altri tipi di supporto. Per esempio mettendo a disposizione la propria struttura per comprendere se è possibile completare questo progetto utilizzando anche i fondi comunitari per completare l’opera".

"Questa - ha spiegato il direttore dei lavori, l'architetto Emilio Randazzo - è la maggiore opera in Italia come Terzo Settore privato. Abbiamo ricevuto donazioni da ogni parte del mondo, ma c’è ancora bisogno d’aiuto perché mancano circa 400 mila euro per completare il primo blocco funzionale, che potrebbe essere pronto già da ottobre. Serve poi un milione e mezzo per completare gli altri due blocchi, quello degli alloggi notturni e del polifunzionale. E l’idea è quella di attingere ai fondi comunitari con il supporto dell’amministrazione comunale".

Nel corso dell’incontro è stato stabilito un piano di lavoro e l'istituzione di un gruppo operativo che si riunirà già dalla prossima settimana e affronterà anche altre questioni, dalla viabilità e alle opere di urbanizzazione. La presidente di Lad Onlus Cinzia Favara Scacco ha infine sottolineato come WonderLad possa diventare "una risorsa per la città".

"Crediamo molto - ha detto - nella collaborazione tra pubblico e privato per un bene comune che è quello Sociale. Vogliamo occuparci dei bambini con malattie gravi e croniche, ma anche dei bambini con disagio sociale. Per questo il Comune diventa un partner fondamentale per la realizzazione del progetto, aiutandoci a trasformare questa casa in un punto di riferimento anche per il quartiere".