Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
sabato, 16 dicembre 2017

In migliaia verso la Sicilia
muore un neonato in mare

Il cadavere del bambino su una nave diretta a Pozzallo con 673 profughi. Duemila le persone soccorse in giornata, 10.000 da sabato: il ministro Minniti rientra in Italia per l'emergenza

ROMA - C'è anche il cadavere di un neonato sul pattugliatore Comandante Foscari della guardia costiera in navigazione verso il porto di Pozzallo con a bordo 673 migranti. Il piccolo era nato nel barcone durante la navigazione nel Mediterraneo, dalla Libia alla Sicilia, ed è deceduto alcune ore dopo il soccorso a bordo di nave Foscari, a causa di complicazioni post parto. La madre, una somala di 26 anni, è a bordo del pattugliatore, assistita da personale medico militare.

In totale sono duemila i profughi salvati nella giornata di oggi al largo della Libia in 15 operazioni di soccorso coordinate dalla centrale operativa della guardia costiera.

I migranti sono stati recuperati da diverse unità, tra cui navi della guardia costiera stessa, delle Ong e di Frontex. Con i soccorsi di oggi sono oltre 10 mila i profughi salvati nel Mediterraneo a partire da sabato scorso.

Proprio a causa dell'emergenza il ministro dell'Interno Marco Minniti, che era diretto a Washington per una serie di incontri istituzional, è rientrato in Italia.