Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
lunedì, 11 dicembre 2017

G7 a Catania: bon appétit, いただきます
Guten appetit, enjoy, buon appetito

Luca Ciliberti / 
Curiosità e anticipazioni. Le consorti e i mariti dei 7 grandi capi di Stato venerdì a pranzo in municipio dal sindaco Bianco. Assente Philip John May. Menù di Pino Cuttaia

Tutto pronto per accogliere il G7. Il summit che vedrà impegnati i sette grandi capi di Stato comincerà ufficialmente domani alle 11.30 a Taormina. Ma già in mattinata, Catania, tirata a lucido per l’occasione, accoglierà il primo evento collaterale organizzato dalla presidenza italiana del G7.

Ospiti di Manuela Mauro Gentiloni, la moglie del premier italiano, saranno le first lady degli Usa, Melania Trump, del Canada, Sophie Gregoire Trudeau, del Giappone, Akie Matsuzaki Abe, e la première dame della Francia, Brigitte Trogneux Macron. Il marito della cancelliera tedesca Angela Merkel, Joachim Sauer, resterà l'unico first husband. Philip John, marito della premier britannica Theresa May, ha scelto di rimanere in Inghilterra dopo la strage di Manchester.

Il pranzo sarà offerto nel salone Bellini del municipio. La signora Gentiloni e il sindaco Enzo Bianco, con la compagna Amanda Jane Succi, faranno gli onori di casa accogliendo gli ospiti e, dopo la colazione, li accompagneranno in una rapida visita attraverso i siti monumentali e archeologici della città.

Secondo le indiscrezioni, tutte le delegazioni, in totale una trentina di persone tra staff e interpreti, sono attese a Palazzo degli Elefanti tra le 12.30 e le 13 e, come annunciato, atterreranno a Catania in elicottero sorvolando l’Etna, prima di blindarsi, per motivi di sicurezza, all’interno dell’edificio.

Il banchetto sarà preparato dallo chef, doppia stella Michelin, Pino Cuttaia che sul posto cucinerà alcuni dei suoi celebri piatti pluripremiati dalla critica internazionale. Previsto un pasto leggero con alcuni dei piatti tipici dei suoi menù, probabilmente non più di sei portate dall’antipasto al dolce, con l’idea di raccogliere e regalare agli illustri commensali un viaggio attraverso i sapori della Sicilia.

Tavola apparecchiata per le grandi occasioni di Stato, curiosità sull’assegnazione dei posti. Bianco, che parla bene il francese, potrebbe sedere accando alla signora Macron. Tra le prelibate pietanze ci saranno certamente la "nuvola di caprese, mozzarella e pomodoro datterino" (già piatto dell’anno nelle riviste specializzate), la "trasparente di tenerume di cocuzza" e l’ "arancino di riso con ragù di triglia e finocchietto selvatico". In chiusura l’esplosione di sapori con la "cornucopia di cialda di cannolo con la ricotta". Le portate saranno accompagnate dai vini bianchi e rossi dell’Etna: lo spumante Sosta tre Santi di Nicosia, l'Etna rosso Trimarchi 2014 di Tornatore e un Etna bianco Arcurìa del 2015 di Graci.

Lo chef Cuttaia preparerà i suoi piatti con l’aiuto del suo staff di fiducia. Il sindaco Bianco omaggerà le consorti e il signor Sauer-Merkel con il libro di Catania e con un dono che rievoca il patrimonio culturale della città. Dopo la tradizionale foto di rito, la delegazione si muoverà da piazza Duomo al Teatro Greco e infine, in auto, si sposterà all’interno del complesso del monastero dei benedettini in piazza Dante.

Sarà sicuramente l’occasione per ammirare le cucine e le cantine del ‘700 del Vaccarini, i due chiostri monumentali, la domus romana e infine la biblioteca dove, per l’occasione sarà esposta la storica Bibbia del Cavallini, opera del ‘300 ritenuta una delle cinque più belle al mondo, tesoro inestimabile della biblioteche riunite “Civica Ursino-Recupero.

La visita catanese dovrebbe concludersi intorno alle 15.30, quando tutti gli ospiti saranno riaccompagnati in elicottero a Taormina dove, ognuno porterà certamente con sé, negli occhi e nel cuore, un pezzo di Catania e del suo Liotru.

Twitter: @LucaCiliberti