Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
domenica, 18 febbraio 2018

Pubblicato: 29/04/2017

"La revoca va bene, ora il mare"

Spiagge e solarium. Catania bene comune: "Giusto togliere gli appalti a Caffè Napoleon, ma Bianco rispetti i tempi". L'amministrazione: "Obiettivo 31 maggio"

CATANIA - Per una volta, caso rarissimo, non ce l'hanno con Bianco. Anzi, Catania bene comune approva la decisione del sindaco di revocare ufficialmente l'appalto di gestione di spiagge libere e solarium alla società Caffè Napoleon.

"Se l'era aggiudicato l'anno scorso - ricorda l'associazione - dopo che gli uffici comunali avevano revocato la gestione alla ditta Giuseppe Fraggetta e C., vincitrice della gara. Ma sulla Caffè Napoleon, che ha assunto la gestione degli accessi al mare comunale nel mese di agosto, si erano accesi immediatamente i riflettori per via del fatto che alcune persone che prestavano servizio per la società erano implicate in inchieste per mafia".

Associazioni antimafia e partiti politici hanno chiesto già ad agosto l'immediata revoca dell'appalto. "L'amministrazione - dice Catania bene comune - ha atteso e ha disposto la revoca solo ieri, a appena 3 giorni dal primo maggio, data di inizio delle attività nelle spiagge e nei solarium prevista nell'appalto. E' comunque un atto importante e positivo la revoca dell'appalto, nonostante l'inspiegabile ritardo".

L'amministrazione Bianco fa sapere che l'obiettivo è avviare la stagione balneare entro il 31 maggio: "Entro pochi giorni partirà il cantiere per montare le piattaforme del lungomare e la scivola di San Giovanni Li Cuti".

E qui Catania bene comune ritorna a bacchettare: "L'amministrazione ha il dovere di iniziare subito la manutenzione delle spiagge, lasciate vergognosamente nel degrado, di assumere sin da subito la gestione dei parcheggi e di affrettare il montaggio dei solarium. E' evidente che se il Comune vorrà assegnare con procedura pubblica la creazione di aree ristoro all'interno di spiagge e solarium, questo non dovrà influire minimamente con i tempi di apertura delle strutture".

L'associazione sottolinea che "è stata confermata l'intenzione di assegnare la gestione dei parcheggi alla Sostare e la gestione della sicurezza e della manutenzione delle spiagge alla Multiservizi. Società pubbliche controllate direttamente dal Comune. Ma mentre la gara per il montaggio dei solarium è stata appena aggiudicata, anch'essa con assurdo ritardo, in queste ore i parcheggi comunali della Plaia, oggetto dell'appalto revocato, sono gestiti da soggetti senza alcun titolo che pretendono il pagamento per la sosta. Allo stesso modo agli ingressi alle spiagge libere".