Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
marted́, 12 dicembre 2017

Pubblicato: 23/04/2017

La pace delle Aci

Amministrative ad Aci Catena, intesa tra Pd e Sicilia Futura: "La migliore sintesi nel ticket tra Francesco Petralia e Pippo Sciacca"

CATANIA - Il partito Democratico e Sicilia Futura trovano un'intesa sul candidato sindaco alle prossime amministrative ad Aci Catena, il Comune che dovrà voltare pagina dopo lo scandalo che ha coinvolto l'ex primo cittadino Ascenzio Maesano. Una partita politca che fa sotterrare l'ascia di guerra a Fausto Raciti, segretario regionale del Pd e Nicola D'Agostino, deputato regionale del partito di Cardinale, entrabi nati e cresciuti politicamente ad Acireale.

“È indispensabile, dopo i fatti che hanno condotto all'arresto e alle dimissioni dell'ex sindaco, che tutti i partiti impegnati nella campagna elettorale che si prepara ad Aci Catena indichino con chiarezza alla cittadinanza tra quali proposte politiche scegliere il futuro sindaco e il futuro Consiglio comunale" spiegano in un comunicato congiunto Raciti e D'Agostino.

“In questa prospettiva - continuano - Partito democratico e Sicilia futura ritengono fondamentale una convergenza su una candidatura comune forte e prestigiosa, ritenendo di trovare la migliore sintesi nel ticket tra Francesco Petralia e Pippo Sciacca, candidandoli rispettivamente a sindaco e vicesindaco della città. L'alleanza tra partiti e liste civiche che si ritroveranno nell'intesa sarà fondata su tre basilari principi programmatici: risanamento dei conti, programmazione degli investimenti tramite i fondi europei e garanzia dei servizi prioritari. Lunedì in conferenza stampa saranno precisate le alleanze e le modalità organizzative.”