Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
marted́, 12 dicembre 2017

Danno erariale, sindaco di Siracusa
segnalato alla Corte dei conti

Buco di 2,8 milioni di euro: nel mirino della guardia di finanza anche due dirigenti

SIRACUSA - La guardia di finanza di Siracusa ha segnalato alla Procura della Corte dei conti di Palermo un danno erariale per 2,8 milioni di euro a carico del sindaco di Siracusa, Giancarlo Garozzo, del dirigente del settore Lavori pubblici, Natale Borgione, e del direttore generale della società, che gestisce il servizio idrico integrato dei Comuni di Siracusa e Solarino per il 2015 e per il primo trimestre 2016, Enrico Jansiti.

Secondo le Fiamme gialle i tre hanno causato due tipologie di danno, quello alla "concorrenza" e quello da "utile d'impresa". Nel primo caso, non sarebbero state applicate le regole del confronto concorrenziale tra operatori economici che avrebbe comportato per il Comune di Siracusa un risparmio di spesa rispetto a quella effettivamente sostenuta per effetto di un affidamento senza gara.

Nel secondo caso, invece, si è determinato il danno pari all'ammontare dell'utile dell'impresa affidataria corrisposto dal Comune di Siracusa, nonostante la nullità del contratto di affidamento perché stipulato in violazione del codice degli appalti.

"La guardia di finanza non ha fatto altro che acquisire i dati della consulenza dell'ingegner Boeri - commenta il sindaco -, nominato nel procedimento penale sulla gestione del servizio idrico, e trasmetterli alla procura della Corte dei conti che dovrà valutarli. E' una consulenza di parte, sulla quale non c'è stato alcun contraddittorio. Si tratta, insomma, di un'ipotesi basata sulle conclusioni di un consulente".