Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
venerdý, 23 febbraio 2018

Pericolo crolli: "Via Volturno Ŕ una bomba a orologeria"


CATANIA - "Sono passate settimane dal nostro ultimo appello sulla necessità di mettere in sicurezza l’intera via Volturno. Richieste di interventi puntualmente cadute nel vuoto e, nel frattempo, la situazione si fa ancora più drammatica con la strada piena di case abbandonate che cadono letteralmente a pezzi, con i balconi pericolanti, le porte e finestre murate". Giuseppe Zingale, vice presidente della municipalità di Cibali-Trappeto Nord-San Giovanni Galermo, si chiede "perché l’amministrazione di Catania non opera per garantire l’incolumità delle cinquanta famiglie che qui ci abitano? Perché non si riqualificano le catapecchie che rischiano di crollare da un momento all’altro?".



Secondo Zingale "le avvisaglie di un dramma annunciano ci sono tutte: l’ultimo intervento dei pompieri ha portato a transennare la parte est nei pressi di via Susanna. Il nastro rosso di pericolo però non assicura i residenti da altri crolli. Bisogna aspettare la tragedia prima di fare qualcosa? Si darà il via libera agli operai solo dopo che si sarà verificato l’irreparabile? Via Volturno è una bomba a orologeria evidente a tutti tranne che a Palazzo degli Elefanti che si ostina a restarsene con le mani in mano di fronte all’emergenza".