Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
venerdý, 15 dicembre 2017

Pubblicato: 28/01/2017

Parcheggio selvaggio in via Sant'Euplio

Catania. Sopralluogo della commissione ViabilitÓ: "Pi¨ auto sulle strisce pedonali, in doppia fila o sui marciapiedi che all'interno degli stalli blu"

CATANIA - Più macchine sulle strisce pedonali, in doppia fila oppure sui marciapiedi che all’interno degli stalli blu e degli spazi appropriati. Non si tratta di un’esagerazione ma della quotidianità in via Sant’Euplio. Traffico, inciviltà e anarchia per un’area che è sotto il controllo dei posteggiatori abusivi. Proprio da qui comincia il sopralluogo della commissione comunale alla Viabilità che vuole gettare le basi per quel piano di rilancio che non c’è mai stato durante le precedenti amministrazioni comunali.

"Sulle condizioni di via Sant’Euplio bisogna recitare un 'mea culpa' generale - afferma il presidente della commissione Carmelo Sofia - l’attuale amministrazione qui vuole intraprendente un piano di rilancio che tenda conto della vivibilità del territorio e della sua forte vocazione commerciale. Con le festività agatine via Sant’Euplio rappresenta una delle principali vie di fuga durante la processione del Fercolo in via Etnea mentre, nel resto dell’anno, è un’arteria fortemente trafficata per i suoi negozi e perché mette in comunicazione piazza Stesicoro con piazza Roma".

"Dopo le iniziative mirate a rendere alcune stradine limitrofe completamente pedonali - prosegue Sofia - puntiamo a migliorare il flusso veicolare combattendo il parcheggio selvaggio che qui non risparmia le strisce pedonali e i marciapiedi".

"Nel corso degli ultimi mesi abbiamo ascoltato le segnalazioni dei commercianti e dei residenti per cercare di trovare con loro una soluzione che possa accontentare tutti - fa eco Vincenzo Parisi, presidente della commissione al Bilancio - la vicinanza con via Etnea rappresenta un punto di partenza per cercare di ricostruire la mobilità in tutta la zona".

"La fermata della metro in corso Sicilia è un ulteriore passo in avanti - continua Parisi - ma senza l’individuazione di alcuni spazi, destinati al parcheggio per le auto, rischiamo di non sviluppare mai una strategia vincente per rendere questo territorio più vivibile ed attirare una maggiore presenza di turisti. Quotidianamente molte arterie limitrofe a via Sant’Euplio sono invase dal parcheggio selvaggio che non lascia scampo ai pedoni costretti a sopportare mille difficoltà e disagi".