Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
venerd́, 23 febbraio 2018

"Segnale allarmante, non si tratta di rapine ma di attentati"


CATANIA - Il sindaco di Catania Enzo Bianco ha espresso solidarietà alla Sostare, partecipata del Comune, che nelle ultime settimane ha avuto distrutte ventotto colonnine per il pagamento della sosta per un valore complessivo di oltre 160 mila euro.

"Sono solidale - ha detto Bianco - con l'Azienda, dal presidente Luca Blasi ai dipendenti, per questo attacco alla legalità e al funzionamento delle Istituzioni. Da qualche anno ormai, nel periodo delle feste natalizie, le organizzazioni criminali che sono dietro ai posteggiatori abusivi approfittano dell'assuefazione ai botti per distruggere i parcometri. Già da tempo sosteniamo che non si tratta di rapine per ottenere i pochi spiccioli contenuti all'interno delle macchine ma di veri e propri attentati. Confidiamo nell'azione delle Forze dell'Ordine per mettere fine a questo fenomeno così grave".

"I ripetuti danneggiamenti ai parcometri della Sostare, ben 28 nelle ultime settimane, sono un segnale allarmante che non può che destare preoccupazione: non un singolo raid vandalico, infatti, ma un’azione sistematica volta a distruggere i parcometri lanciando un messaggio inquietante alla società che gestisce la sosta e all’amministrazione cittadina" aggiunge il deputato etneo del Partito Democratico Giuseppe Berretta.

"Esprimo la mia solidarietà all’azienda, a partire dal presidente Luca Blasi, e sono certo che le forze dell’ordine faranno tutto il possibile per individuare gli autori di queste azioni – conclude Berretta – E’ necessario alzare la guardia e non sottovalutare questi episodi, soprattutto in una città dove la lotta all’abusivismo deve rappresentare una priorità per tutti, istituzioni e cittadini".