Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
venerdý, 23 febbraio 2018

"Sbloccate le gare d'appalto in Sicilia"

Crocetta: "Approvato il testo del governo, aumenterÓ anche la trasparenza"

PALERMO - E' il presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta, dopo la riunione della IV commissione, ambiente e territorio, a comunicare che, con alcuni emendamenti migliorativi, la commissione ha approvato il testo proposto dal governo che sblocca le gare in Sicilia "migliorandone la trasparenza".

"Ecco alcune novità introdotte - spiega il governatore -: l'ampliamento del numero dei possibili presidenti di gara, che dai 18 attuali diventano 300, allargando la platea oltre che ai presidenti e vicepresidenti dell'Urega, ai dirigenti del genio civile, della protezione civile e altre categorie sulla base della valutazione dei curricula; misure incentivanti per le commissioni di gara veloci e misure penalizzanti per coloro che ritardano l'espletamento delle procedure, senza giustificato motivo; nomina di componenti supplenti che sostituiscano i membri delle commissioni di gara impossibilitati a partecipare; possibilità di elevare la soglia degli appalti economicamente più vantaggiosa dal milione attuale ai due milioni e mezzo, in conformità a quanto proposto recentemente da Anac".

"Con tali provvedimenti - conclude il presidente - saremo in condizione di poter avviare in tempi veloci gran parte dei cantieri del Patto per la Sicilia, andando incontro alla richiesta incessante che viene dai sindaci, dai rappresentanti delle categorie, dai disoccupati, consentendo un veloce espletamento delle gare e l'avvio dei cantieri. Siamo al lavoro per la Sicilia e ci auguriamo che il procedimento possa essere incardinato ed approvato in aula già dalla prossima settimana, per elevare il Pil, dare lavoro alle imprese e ai disoccupati".