Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
mercoledý, 21 febbraio 2018

Pubblicato: 24/05/2016

Bruciati i cassonetti di Cibali

Catania: roghi nella notte, residenti chiusi in casa per non respirare i fumi tossici. I consiglieri di quartiere: "Succede da settimane"

CATANIA - Cosa unisce via Sabato Martelli Castaldi a via Cibele? A parte il fatto di ritrovarsi nello stesso quartiere, le due strade condividono il medesimo problema: cassonetti dei rifiuti mandati in fumo nella notte dai teppisti, con gli abitanti chiusi in casa per non respirare i fumi tossici e i pompieri che devono intervenire per spegnere i roghi.



A Cibali è una situazione che va avanti da settimane e che ha riguardato pure piazza Ignazio Roberto, via Torresino, via Felice Paradiso, via Susanna, via Bruno Monterosso, via Ballo e via Merlino. Un allarme che colpisce centinaia di contenitori per la spazzatura comune e per il recupero di vetro, cartone e plastica.



Materiali altamente infiammabili dove basta una “scintilla” per provocare l’incendio e creare disagi ad un intero rione. La circoscrizione di Cibali-Trappeto Nord-San Giovanni Galermo chiede immediatamente un tavolo tecnico con tutte le istituzioni per potenziare il controllo delle forze dell’ordine nel territorio oppure istallare un sistema di videosorveglianza per cogliere sul fatto questi criminali. Un problema costante che toglie letteralmente il sonno ai cittadini e ci lascia marciapiedi e strade impraticabili.