Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
lunedė, 10 dicembre 2018

Valle dei Templi, gių le case abusive

Cominciate le demolizioni nella zona del parco archeologico: abbattuti un ovile, 5 abitazioni, un muretto di cinta e un paio di baracche. IL VIDEO

AGRIGENTO - È cominciata la demolizione degli immobili abusivi realizzati nella zona archeologica di Agrigento. Le ruspe stanno lavorando in contrada Poggio Muscello, radendo al suolo un muretto di recinzione, opera già acquisita al patrimonio del Comune. "Si comincia con la rimozione di qualche debole graffio all'interno del meraviglioso parco archeologico di 1.300 ettari", ha detto il sindaco Lillo Firetto.

La Procura di Agrigento, con il procuratore aggiunto Ignazio Fonzo, già all'inizio di giugno aveva lanciato un vero e proprio ultimatum: "si proceda alle demolizioni, altrimenti l'autorità giudiziaria procederà per abuso di ufficio ed omissione di atti di ufficio a carico dei responsabili degli uffici degli enti competenti che impediscono il ripristino della legalità nella zona del parco archeologico della valle dei Templi".

Parole rivolte al Comune di Agrigento, alla Sovrintendenza ai beni culturali e al parco archeologico. Da circa due anni è stato completato un censimento di immobili abusivi mai demoliti. Si parla di circa 650 manufatti. La Procura, lo scorso 16 luglio, aveva concesso 30 giorni di tempo per avviare le demolizioni.

Sono otto gli immobili abusivi, ricadenti nella zona del parco archeologico, che in questa prima fase verranno demoliti. Si tratta di cinque case, un ovile, un muretto di cinta e un paio di baracche di legno che si trovano fra contrada Poggio Muscello, Cugno Vela e contrada Maddalusa. I lavori di demolizioni, costati circa 80 mila euro, verranno eseguiti dall'impresa aggiudicataria del bando di gara del Comune, una ditta di Palma di Montechiaro (Ag).