Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
domenica, 25 febbraio 2018

Nell'Isola meno italiani e pił stranieri nel 2013


PALERMO - Nel 2013 sono diminuiti i flussi turistici in Sicilia, sia in termini di presenze (-0,1%) che di arrivi: sono stati pari allo 0,5% contro il 2,8% del 2012. Non solo, sempre meno italiani hanno scelto l'isola per le vacanze, mentre è aumentato il numero di stranieri, che ha trascorso qualche giorno di relax in giro per la Sicilia. È quanto emerge dal rapporto di Bankitalia sull'economia in Sicilia nel 2013.

Secondo lo studio il numero di arrivi di connazionali, nell'isola, è calato del 6 per cento, mentre per pernottamenti è sceso a meno 9,7%. A frenare il crollo di presenze di italiani, è stato l'aumento dei turisti stranieri, che sono aumentati sia nel numero di arrivi che nei pernottamenti. Gli arrivi sono stati pari al 10,9% (+4,6% rispetto al 2012), le presenze 14,2% (+7,3%).

In base ai dati dell'indagine della Banca d'Italia sul turismo internazionale, per il terzo anno consecutivo è aumentata anche la spesa effettuata dagli stranieri, che risulta pari a 5,5%. Lo studio rileva che "nel complesso, le somme spese dai turisti stranieri nel 2013 sono risultate inferiori al picco registrato nel 2007, di oltre l'8% in termini nominali". Alla presentazione del Report era presente il direttore della sede palermitana della Banca d'Italia, Giuseppe Arrica, che ha annunciato che a fine mese andrà in pensione.